Home > Su Roma > Arte-a-roma > Arte Moderna a Roma

<

Arte Moderna a Roma

Dal Realismo al Simbolismo fino all'Espressionismo, ecco le opere dei grandi artisti come Cezanne, Monet, Gauguin e tante altre personalità vissute tra l'800 e il 900.


Con “Arte Moderna” si fa riferimento alla produzione artistica compresa tra la seconda metà del 1800 e il 1970 circa, periodo in cui ha inizio l’arte Post-moderna e Contemporanea.

Gli artisti iniziano a guardare con spirito critico agli stili del passato e ad impegnarsi nella ricerca di un nuovo linguaggio espressivo. Nascono così  nuovi stili e concezioni pittoriche, in un alternarsi di espressioni e movimenti legati dalla ricerca del nuovo ma tra loro molto diversi: il Realismo, che ritrae le scene reali della vita quotidiana;  l’ Impressionismo, che annovera artisti come come Degas, Cezanne, Monet, i quali  volevano riprodurre sulla tela le percezioni visive che il paesaggio comunicava loro;  l’ Espressionismo, che prende vita nelle opere di Munch, Gauguin e Modigliani, per citarne alcuni, e che punta a trasmettere attraverso l'arte i moti interiori dello spirito; Il Fauvismo di Matisse e Vlamick , simbolo di una violenza espressiva del colore steso in tonalità pure; Il Cubismo di Picasso e Léger, che spezza le forme, scompone la realtà e la riassembla secondo più punti di vista; e ancora il Futurismo, Il Simbolismo, Il Surrealismo.

 

Arte Moderna a Roma

Gran parte della produzione artistica legata a questo periodo è conservata all’interno della Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea (GNAM) di Roma. Il grande spazio espositivo contiene la più vasta collezione di arte contemporanea italiana con oltre 4.400 opere di pittura e scultura e circa 13.000 disegni e stampe di artisti dell'Ottocento e del Novecento.

Se siete appassionati di questo genere d’arte e volete ammirare i capolavori dei grandi artisti che ne hanno fatto parte vi suggeriamo di visitare le sale della galleria, un percorso suggestivo tra colori, immagini ed emozioni da non perdere.  Le sale sono circa 50, ognuna dedicata ad un artista o ad una corrente caratteristica del periodo moderno, come ad esempio la Sala dell’Ercole, dedicata alle opere e le sculture di Antonio Canova, Francesco Hayez, Federico Faruffini e Tranquillo Cremona o la Sala della Saffo, dedicata alla pittura toscana, in particolare al movimento dei Macchiaioli.

Altro polo museale di rilievo per gli amanti dell’arte moderna è la Galleria D’Arte Moderna di Roma Capitale, che, con le sue oltre tremila opere acquistate nel tempo dal Comune di Roma, costituisce un patrimonio artistico di grande valore ed uno strumento ottimo per avere una veduta completa dell’arte italiana dell’Ottocento e del primo Novecento.

La collezione annovera  infatti le opere pittoriche degli artisti più rappresentativi della scena italiana di quegli anni, come Giulio Aristide Sartorio, Nino Costa, Onorato Carlandi. Non mancano poi le opere più importanti di quel particolare momento storico-artistico denominato Scuola Romana, che qui troviamo egregiamente rappresentato da Scipione, Mario Mafai, Giuseppe Capogrossi, Emanuele Cavalli; e ancora  opere figurative dei principali esponenti del Divisionismo, tra cui ricordiamo Armando Spadini, Camillo Innocenti, Arturo Noci, Giacomo Balla.
Insomma la Galleria D’Arte Moderna di Roma Capitale ci “racconta” l’arte italiana in tutte le sue numerose sfaccettature e nel suo dialogo costante con le avanguardie europee.
Attraverso un percorso emblematico che si snoda lungo le diverse sale, distribuite su tre piani, il visitatore avrà modo di seguire l’evoluzione dell’arte italiana in generale e capitolina in particolare:  dalle vicende artistiche dell’articolata cultura figurativa della prima metà del Novecento, al Realismo Magico, dal Secondo Futurismo al complesso sviluppo della scultura italiana tra tradizione e modernità. Da Giorgio Morandi ad Afro, da Franco Gentilini a Carlo Carrà, da Marino Marini a Enrico Prampolini.


Situata in pieno centro storico, la Galleria D’Arte Moderna di Roma Capitale è facilmente raggiungibile con i mezzi di trasporto pubblico.


Per  orari, prezzi e prenotazione di visite guidate vi consigliamo di consultare il sito ufficiale della Galleria http://www.galleriaartemodernaroma.it/.

Qualche esempio di Arte Moderna a Roma si può ritrovare inoltre nell’architettura, benché la capitale sia, come è noto, una città storica con costruzioni di tipo prevalentemente classico.
Tuttavia, come testimonianza di Arte Moderna, possiamo ricordare alcuni palazzi:


il Palazzetto dello Sport, ubicato nel quartiere Flaminio e  realizzato tra il 1958 e il 1960 dall’architetto Annibale Vitellozzi e dall’ingegnere Pier Luigi Nervi;


Il PalaLottomatica, progettato sempre dall'ingegnere Pier Luigi Nervi, si trova nel quartiere EUR e presenta un’architettura di stampo prettamente moderno, caratterizzata dall’ampiezza e versatilità degli spazi, che gli consentono di ospitare grandi eventi sportivi, concerti, congressi e spettacoli;


Il Palazzo dei Congressi  all’Eur, realizzato dall’architetto Adalberto Libera  nel 1938, con i suoi spazi ampi e modulabili, costituisce uno dei maggiori esempi di architettura razionalista a Roma.

Suggerimenti


Non ci sono suggerimenti. Accedi e inserisci tu il primo!

Suggerimenti dai social network