Home > Su Roma > Arte-a-roma > Il Rinascimento a Roma

<

Il Rinascimento a Roma

L'arte Rinascimentale a Roma, una guida per scoprire i monumenti, le chiese e i palazzi dell'epoca dei grandi artisti del '500.


L’arte Rinascimentale a Roma inizia a lasciare le proprie tracce intorno alla seconda metà del Quattrocento. Da Firenze, riconosciuta come teatro indiscusso del Rinascimento tanto da essere definita “la culla del Rinascimento”, artisti, pittori, architetti e scultori si spostano a Roma, dove lasceranno alcune delle opere più famose del mondo.

 

In questo periodo i Papi a Roma diventano dei veri e propri mecenati; è proprio grazie ai finanziamenti concessi dal clero che artisti come Michelangelo, Raffaello, Antonio da Sangallo, Pietro da Cortona, Bramante e molti altri iniziano a lavorare, portando a termine progetti di grande rilievo.

 

Roma durante il Rinascimento appariva come un vero e proprio cantiere, la città era infatti concentrata negli scavi archeologici che riportarono alla luce una grande quantità di reperti storici risalenti all’antica Roma, come la famosa Domus Aurea di Nerone. Non solo, la Chiesa prestò grande attenzione al restauro di chiese e monumenti per i quali vennero chiamati i più grandi architetti e pittori del tempo. In particolare i palazzi e le chiese di Roma vennero arricchiti con affreschi e decorazioni di rara bellezza che ancora oggi si possono ammirare visitando la città.

 

Tra i progetti artistici più importanti del Rinascimento a Roma va ricordata la ricostruzione e la decorazione della Cappella Sistina, la cappella palatina del Vaticano, dedicata a Sisto IV. Lorenzo il Magnifico per questo ambizioso progetto inviò a Roma gli artisti fiorentini più illustri del momento, tra cui Sandro Botticelli, Domenico Ghirlandaio e Cosimo Rosselli. I lavori proseguirono poi sotto la direzione di Michelangelo e degli altri grandi affrescatori del momento. All’interno dei Musei Vaticani, oltre alla Cappella Sistina, avrete la possibilità di ammirare diverse testimonianze dell'arte romana Rinascimentale, tra cui i capolavori di Raffaello, altro protagonista dell’arte del Rinascimento a Roma, il quale si occupò della realizzazione di dipinti e affreschi che oggi sono conservati nelle Stanze e nelle Logge di Raffaello. Se siete appassionati di arte del Rinascimento vi suggeriamo anche di visitare la Galleria Borghese, dove sono raccolte importanti opere di Raffaello e Caravaggio.

 

Testimonianze dell’arte del Rinascimento si incontrano quasi ovunque passeggiando per Roma. Tra i palazzi Rinascimentali ricordiamo Palazzo Farnese, costruito da Antonio da Sangallo e terminato da Michelangelo, Palazzo Spada, sede della Galleria Spada, Palazzo della Cancelleria, oggi sede del Tribunale della Sacra Rota e il bellissimo Palazzo Venezia.

 

Di grande interesse artistico sono anche le chiese rinascimentali di Roma, come la chiesa di Santa Maria del Popolo, all’interno della quale si trovano i capolavori del Bernini e del Caravaggio, la Chiesa di Sant'Agostino, che contiene un affresco di Raffaello e la famosa Madonna dei Pellegrini di Michelangelo Merisi da Caravaggio. Ricordiamo anche la facciata rinascimentale della chiesa di San Luigi dei Francesi, opera di Giacomo della Porta e la chiesa di Santa Maria della Pace, dove potrete ammirare le cappelle progettate da Sangallo, le "Sibille" dipinte da Raffaello, gli affreschi di Baldassarre Peruzzi e soprattutto il famoso chiostro del Bramante.

 

 

Tra gli altri monumenti del Rinascimento romano vi suggeriamo di visitare Ponte Sisto, dedicato anche questo a Sisto IV, Via Giulia, la famosa strada romana progettata dal Bramante, Piazza del Campidoglio e Campo dei Fiori, dove si trova la statua di Giordano Bruno.

 

Suggerimenti


Non ci sono suggerimenti. Accedi e inserisci tu il primo!

Suggerimenti dai social network