Home > Su Roma > Personaggi-famosi > Francesco Totti

<

Francesco Totti

La biografia, la carriera e i successi di Francesco Totti, il giocatore di calcio romano divenuto una vera e propria icona del calcio italiano.


Adorato dentro e fuori dal campo, Francesco Totti è conosciuto tra i romani anche come "Ottavo Re di Roma", "Pupone" o semplicemente "Il Capitano". Totti è considerato uno dei simboli di Roma e per i tifosi romanisti è uno dei più grandi calciatori di sempre.

 

Nato a Roma, Francesco sin da giovanissimo ha giocato per alcune squadre locali fino al suo debutto con la Roma Football Club, che poi non ha mai abbandonato nonostante le offerte estremamente redditizie di molti grandi club europei. Le sue scelte di carriera, la sua vita familiare semplice e la devozione alla squadra lo hanno reso uno dei calciatori più popolari in Italia, non solo tra i tifosi della Roma. Il suo senso dell'umorismo e la natura generosa hanno conquistato un posto nel cuore di tutti i cittadini che apprezzano la semplicità di Totti. Divenuto una vera e propria icona italiana per la sua grande simpatia Francesco è stato scelto per molte campagne pubblicitarie.


 

LA CARRIERA


Francesco è nato il 27 Settembre 1976 nel quartiere Appio Latino vicino a porta Metronia a Roma. Ha iniziato a giocare a calcio nelle giovanili dello Smit Trastevere, la sua prima squadra. Nel 1989, a tredici anni, è stato notato ed è entrato nella squadra delle giovanili della AS Roma. Francesco Totti ha continuato a giocare qui per tre anni fino al 1992-1993 quando è stato chiamato in prima squadra dall’allenatore Boskov. A soli 16 anni ha debuttato in Serie A, nei minuti finali della partita tra Brescia e Roma.


 

Il 27 febbraio 1994 ha fatto il suo debutto ufficiale da titolare in serie A durante la partita Roma-Sampdoria (0-1). Il 21 agosto dello stesso anno, durante una partita amichevole contro il Valencia, ha segnato il suo primo gol ufficiale. Nelle stagioni seguenti, ha iniziato a giocare più partite e ha segnato il suo primo gol in serie A il 24 settembre 1994 in un pareggio per 1-1 contro il Foggia. Quella stagione Francesco Totti giocò 28 partite segnando 2 gol. Dal 1993 al 1996 Totti ha continuato a giocare nella Roma, sotto la direzione di Carlo Mazzone che ha fortemente sostenuto il calciatore. Nel 1995, Totti diventa ufficialmente titolare della Roma e segna 16 gol nelle tre stagioni successive.


Durante un torneo internazionale giocato il 9 febbraio 1997 allo Stadio Olimpico di Roma,  dopo essere stato duramente criticato dall'allenatore Carlos Bianchi, Totti reagisce segnando due gol eccezionali, confermando il suo valore e accelerando l'esonero dell'allenatore. La stagione successiva, con l'arrivo di Zeman in panchina, per Totti inizia la vera consacrazione. Nelle due stagione con il tecnico Boemo, segna 30 goal e il 31 ottobre 1998 Aldair gli lascia la fascia di capitano.

 


Alla fine della stagione Totti  viene nominato dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio (Associazione Italiana Calciotori-AIC) come miglior giovane calciatore.

 


Durante la stagione 2000-2001, la Roma compra Gabriel Batistuta che, insieme a Totti e Vincenzo Montella, forma il "trio delle meraviglie". I "giallorossi" iniziano quello che sarà il loro anno magico con una continua scalata alla classifica e il 17 giugno 2001, in un record di tutto esaurito allo Stadio Olimpico, la Roma vince per 3-1 la partita decisiva contro il Parma grazie alle prodezze di Totti, Montella e Batistuta, vincendo così il campionato.

 

L'AIC indica Totti come miglior calciatore italiano e decide di presentarlo come un candidato per il Pallone d'Oro. Il 19 Agosto 2001 AS Roma capitanata da Totti vince anche la Supercoppa Italiana, battendo 3-0 la Fiorentina all'Olimpico. Durante la stagione 2002-2003 Totti segna la sua prima tripletta in Serie A, contro il Brescia 3-2. Durante questa stagione, il 30 ottobre 2002, Totti segna un gol spettacolare contro il Real Madrid (0-1) e la Roma espugna il Santiago Bernabeu per la prima volta nella sua storia.

 

 

Nel 2003 riceve altre due candidature come miglior giocatore di calcio italiano. La stagione 2003-2004 conferma sempre di più le abilità del calciatore che però dovrà accontentarsi del secondo posto in classifica. La stagione successiva, il 19 dicembre 2004, Totti segna due volte durante Roma-Parma (5-1) raggiungendo 108 gol in campionato e diventando cannoniere più prolifico della AS Roma, superando Roberto Pruzzo.

 

Nel gennaio 2006 Pelé spende elogi per Totti, definendolo "il miglior giocatore del mondo". La vittoria in Coppa del Mondo di Germania 2006 ha dimostrato ancora una volta la bravura tecnica del calciatore romano, diventato ormai una leggenda. Il 19 agosto 2007, sei anni dopo la prima vittoria, Totti porta un'altra vittoria italiana nella Supercoppa battendo 1-0 l'Inter al Meazza.

 

Il 16 gennaio 2008 Totti raggiunge un altro traguardo importante della carriera, vincendo il premio AIC come miglior calciatore italiano per la quinta volta e come top scorer della Lega. Egli ha dimostrato di essere uno dei giocatori più completi del campionato: vincendo ben 11 premi AIC di cui 5 come miglior calciatore italiano, 2 come miglior giocatore assoluto, 1 come miglior performance stagione, 2 come miglior obiettivo e 1 come miglior giovane calciatore.

 


Il 24 febbraio, Francesco Totti conquista un altro record nel corso della partita contro la Fiorentina: raggiunge 386 partite giocate in Serie A con l'AS Roma , eguagliando il record precedentemente detenuto da Giacomo Losi, il famoso capitano romano degli anni Sessanta. Con questo, Francesco Totti è diventato il giocatore con più partite giocate in Serie A nella storia di Roma. L'11 ottobre 2010 gli viene assegnato il Golden Foot 2010. Il 13 Marzo 2011 segna una doppietta contro la Lazio, contribuendo alla vittoria del derby.


Il 20 marzo Totti conquista i 201 goals segnando una doppietta nella partita contro la Fiorentina, ed entra perciò a far parte della lista dei pochi capocannonieri che hanno superato i 200 goal in serie A:  Silvio Piola, Gunnar Nordahl, Giuseppe Meazza, José Altafini e Roberto Baggio.

Suggerimenti


Non ci sono suggerimenti. Accedi e inserisci tu il primo!

Suggerimenti dai social network